Condominio

La riforma di una disciplina che risale al 1942 rende agevoli le maggioranze assembleari, piu moderna l’uso delle parti comuni, più stringenti gli obblighi degli amministratori di condominio. Dieci sono i punti principali della riforma:

  1. Gestione trasparente e conto corrente dedicato: per garantire il massimo della trasparenza e per avere, costantemente, il bilancio del condominio;
  2. Controlli sui morosi e sanzioni per chi viola il regolamento condominiale: entro 6 mesi l’amministratore deve provvedere a recuperare le rate di spesa non pagate dai conodmini morosi, potendo procedere all’ingiunzione senza il passaggio dall’assemblea. Sanzioni da 200 euro a 800 euro e possibilità di sospensione dei servizi comuni per i morosi;
  3. L’amministratore, nuovi requisiti e maggiori vincoli: l’amministratore deve godere dei diritti civili, non condannato per reati contro il patrimonio e non deve essere protestato. Deve aver frequentato un corso e l’assemblea puo chiedere una polizza a garanzia del suo operato;
  4. La nomina ed il licenziamento dell’amministratore:  è stato reso obbligatorio se il condominio ha almeno nove condomini. L’amministratore rimarra in carica senza la necessità di riconferma e può essere licenziato a scadenza annuale o su richiesta di un condominio se sono emerse GRAVI IRREGOLARITA’ FISCALI E CONTABILI. Dovrà indicare il suo compenso al momento della nomina;
  5. La convocazione dell’assemblea e la divisione delle spese per scale: in seconda convocazione occorrono un terzo dei millesimi e un terzo dei condomini presenti. Per la suddivisione delle spese per ascensori e scale è fissata una volta per tutte: metà della spesa in base al valore dei millesimi e metà in base al piano;
  6. Conti e documenti sempre disponibili sul sito web del condominio: basterà la maggioranza degli interventui con la metà dei millesimi per autorizzare la realizzazione del sito del condominio con accesso individuale e protetto per consultare rendiconti e documenti. Le spese per l’attivazione e la gestione del sito sono a carico dei condomini;
  7. Vietato vietare gli animali domestici: non si potrà piu vietare di tenere animali domestici in casa;
  8. Più semplice intervenire e gestire le parti comuni: cambiano le maggioranze: 4/5 dei condomini e 4/5 dei millesimi;
  9. Distaccarsi dal riscaldamento centralizzato: possibile distaccarsi purche non venga meno la funzionalità del rimanente impianto e obblgo di partecipazione alle spese di manutenzione straordinaria;
  10. Videosorveglianza ed energie rinnovabili: occorrerà la maggioranza degli intervenuti per almeno metà dei millesimi per deliberare l’installazione di pannelli fotovoltaici, impianti di videosorveglianza.